Canva-Monte-Gelato-waterfalls-on-the-river-Treja-p2zppsqzpe9uznb0edop7yq5tpqy4gzauc1yjlmav0

Tra forre e fiumi: Monte Gelato e Calcata

escursione su misura

Nella parte meridionale della Tuscia, a soli 50 km da Roma, sorge un territorio ricco di tesori naturalistici che si uniscono a preziosi resti archeologici, affascinanti borghi medievali e ricchi luoghi d’arte per regalare al visitatore un’esperienza indimenticabile.  Il Parco regionale Valle del Treja, istituito nel 1982, deve il suo nome al fiume Treja, affluente del Tevere, e si estende tra i comuni di Mazzano Romano, in provincia di Roma, e di Calcata, in provincia di Viterbo. Il territorio del Parco “Valle del Treja” è segnato dalle profonde e ramificate forre, tipiche pareti verticali scavate dalle acque che nei secoli hanno modellato le tenere rocce di tufo tipiche della Tuscia. All’interno del Parco è possibile dedicarsi a lunghe passeggiate o trekking più impegnativi, rilassarsi all’ombra di querce, aceri, salici, lecci e pioppi e scoprire ad ogni passo meraviglie naturali e archeologiche come i resti di numerose tombe e di antiche fortificazioni erette al tempo dei Falisci.

Monte Gelato
Seguendo il fiume Treja è possibile raggiungere le famose Cascate di Monte Gelato; qui le acque del fiume danno vita ad una serie di suggestive cascatelle che sono state spesso scelte come set per spot pubblicitari e film. A Monte Gelato si accede tramite un percorso non troppo impegnativo, adatto quindi a tutta la famiglia: una volta arrivati è possibile rilassarsi e ammirare la meraviglia della natura che crea uno degli scenari più affascinanti di tutta la zona

Calcata
Il borgo di Calcata affascina e stupisce con la sua caratteristica conformazione e la sua posizione su uno sperone di tufo, a strapiombo sulla Valle del Treja. Alla città vecchia si accede attraverso un’unica porta che si apre nelle vecchie mura difensive della città e che conduce direttamente alla piazza principale del borgo, sulla quale si affaccia la Chiesa del SS. Nome di Gesù, il Palazzo degli Anguillara con la torre ghibellina e tre troni di tufo
che occupano parte della piazza. Il modo migliore per visitare Calcata è quello di perdersi tra i suoi vicoli e i suoi belvedere, tra case medievali e vecchia botteghe che oggi ospitano laboratori artigianali e studi d’arte. Il paese, noto anche come borgo delle streghe, dopo un periodo di abbandono risalente agli anni Sessanta del secolo scorso, ha vissuto negli ultimi decenni una nuova primavera, ed è stato ripopolato da artigiani ed artisti che oggi organizzano eventi e manifestazioni tra cui l’imperdibile festa della notte di Halloween.

 

INCLUSO

ESCLUSO

Informazioni utili

  • L’escursione è garantita al raggiungimento minimo di 4 partecipanti
  • Il punto di incontro e l’orario di inizio sarà concordato al momento della prenotazione.
  • Si raccomanda di essere al punto di incontro almeno 15 minuti prima dell’orario di partenza.
  • E’ possibile cancellare senza penali fino a h 48 prima dell’inizio della visita.
  • La capienza della visita è ridotta, secondo quanto previsto dalle vigenti normative di sicurezza COVID 19, volte a garantire il distanziamento. Saranno inoltre previsti tutti i dispositivi individuali e le misure di prevenzione rischio COVID 19 in vigore al momento della prenotazione quali utilizzo mascherine e misurazione della temperatura.
  • In Estate si consiglia di portare con sè un cappello, occhiali da sole,  scarpe comode e giacca antivento.  In Primavera e/o Autunno si consiglia di portare con sé cappello giacca antivento, felpa, scarpe comode, occhiali e crema solare. Si raccomanda a tutti gli esploratori di avere rispetto dell’ecosistema e, perciò, non gettare tracce o residui di spazzatura.
  • ulteriori dettagli  saranno forniti a prenotazione avvenuta.

a